pannelli solari Esso è composto principalmente:
da un insieme di moduli fotovoltaici piani;
uno o più gruppi di conversione della corrente continua in corrente alternata;
Altri componenti elettrici minori.

Tra gli esempi più comuni vi sono impianti solari installati su tetti di abitazioni, capannoni industriali o aziende agricole, già collegate alla rete elettrica.
In pratica l’energia prodotta dall'impianto fotovoltaico può essere:
  • autoconsumata, in tutto o in parte, consentendo la riduzione della bolletta elettrica in quanto consente di non acquistare dalla rete l'energia elettrica nella misura corrispondente all'energia auto consumata
  • immessa in rete, ovviamente la parte non auto consumata, determinando una fonte di ricavo esplicita con il contributo in conto scambio.
COME QUANTIFICARE IL RISPARMIO IN BOLLETTA?

Per un impianto di 3,00 kW si ha una produzione attesa di 4200 kWh circa.
Dunque con lo scambio sul posto possiamo individuare la prima sorgente di reddito in forma di “costo evitato” in bolletta e di rimborsato dal GSE;
supponendo di auto consumare istantaneamente il 40% dell’energia prodotta e di consumare ad esempio durante la notte il rimanente 60% (quando l’impianto sarà spento e non produrrà) si avrà:
  • 40% x 4200kWh x 0,20(1) €/kWh = 336€/anno di risparmio in bolletta
  • 60% x 4200kWh x 0,09 €/kWh = 227€/anno di rimborso conto scambio Con un risparmio per l’energia elettrica consumata di 563 €/anno
(1) Tipicamente l'utenza residenziale ha un costo dell'energia compreso tra 0,15 €/kWh e 0,23 €/kWh.
In questa simulazione si considera un costo medio di 0,20 €/kWh.

Dove può essere installato un impianto fotovoltaico?

I moduli fotovoltaici possono essere collocati su qualsiasi pertinenza di un immobile (tetto, facciata, terrazzo, ecc…) o sul terreno.

La decisione deve essere presa in base all'esistenza sul sito d'installazione dei seguenti requisiti:
- disponibilità di spazio necessario per installare i moduli;
- corretta esposizione ed inclinazione della superficie dei moduli.

Le condizioni ottimali in l'Italia sono:
- esposizione SUD (accettabile anche SUD-EST, SUD-OVEST, con ridotta perdita di produzione);
- inclinazione dei moduli compresa fra 25°(latitudini più meridionali) e 35°(latitudini più settentrionali);
- assenza di ostacoli in grado di creare ombreggiamento.
Impianti fotovoltaici
L'impianto fotovoltaico è un impianto di produzione di energia elettrica mediante conversione diretta della radiazione solare, tramite l'effetto fotovoltaico.
Scambio sul posto e detrazione fiscale
Lo Scambio sul posto è la valorizzazione economica dell’energia prodotta dall’impianto e tale beneficio è abbinabile alla detrazione fiscale del 50% su base IRPEF in 10 anni.
Benefici Economici
Quali altri benefici economici oltre allo scambio sul posto per un impianto fotovoltaico?

Al beneficio dello scambio sul posto dovrà ancora essere aggiunta la detrazione fiscale del costo dell'impianto in 10 anni pari al 50% del costo dell'impianto se realizzato entro il 31 Dicembre 2013 e del 36% se realizzato nel 2014
Notizie Utili
Quanto spazio occupa un impianto fotovoltaico? Facendo riferimento soprattutto alle piccole applicazioni (tetti fotovoltaici) e a moduli di silicio cristallino, un valore indicativo di occupazione di superficie è di circa 8 -10 mq per kW di potenza nominale installata.